La Posa in Opera: una scelta professionale!

La Posa in Opera: una scelta professionale!

[vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_column_text]Per una posa in opera professionale è importante rivolgersi ad un posatore professionista che potrà garantire un lavoro fatto a regola d’arte secondo le prescrizioni della norma UNI11265 “Pavimentazioni di legno – Posa in opera – Competenze, responsabilità e condizioni contrattuali”.

Suggerimenti per una corretta posa in opera riferimento volume “Il Parquet dal progetto alla posa in opera” edito EdilegnoArredo – A.I.P.P.L.:

Condizioni ambientali e di cantiere:

  1. I serramenti esterni devono essere installati;
  2. Altre tipologie di pavimentazioni devono essere già posate;
  3. Murature, montaggi di rivestimenti e sanitari ultimati,
  4. La temperatura dei locali deve essere maggiore o uguale a 15°C;
  5. L’umidità ambientale deve essere compresa tra i 45% e 60%;
  6. Le condizioni del supporto siano state verificate e controllate;
  7. Nel caso di supporto massetto riscaldato effettuare ciclo di pre-riscaldamento.

Stoccaggio in cantiere e apertura imballi

  1. L’utilizzatore deve conservare il prodotto con imballo integro, sollevato da terra, in luogo asciutto ed al riparo dal sole e fonti di calore;
  2. Gli adesivi e i prodotti per la finitura (vernice/olio) devono essere conservati alle condizione descritte nelle specifiche del produttore;
  3. Gli imballi del parquet devono essere aperti al momento della posa;
  4. Le liste, durante la posa, vanno sempre controllate singolarmente e quelle eventualmente difettose vanno scartate, si consiglia anche di aprire più confezioni contemporaneamente per miscelare gli elementi di legno ed evitare macchie di colore sulla pavimentazione.

[/vc_column_text][vc_empty_space][/vc_column]

[vc_column width=”1/2″][vc_single_image image=”7009″ img_size=”500×629″ alignment=”center”][/vc_column][/vc_row]

[vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_single_image image=”7013″ img_size=”500×800″ alignment=”center”][vc_empty_space][/vc_column]

[vc_column width=”1/2″][vc_column_text]Esistono diversi tipi di parquet:

il tradizionale è in legno massiccio e si ricava da un’unica specie legnosa.
il prefinito, invece, è costituito da diversi strati, di cui quello più superficiale è in un’essenza pregiata, di latifoglie o conifere, e ha uno spessore minimo di 2,5 mm. Lo strato inferiore, il supporto, è in compensato di betulla o abete. Esso viene completamente prodotto, levigato e verniciato/oleato in fabbrica.
Il risultato estetico è lo stesso, quindi la scelta dell’uno o dell’altro va effettuata in base alle singole esigenze.

Per quanto riguarda la posa, il parquet in legno massiccio richiede tempi più lunghi, fino a 15-20 giorni, mentre quello prefinito può essere posato anche in giornata, visto che la finitura viene eseguita già in azienda.
Il parquet prefinito è dunque ideale per le ristrutturazioni, dove può anche essere incollato sul pavimento preesistente.

Infatti, mentre per posare un parquet tradizionale è necessario rimuovere il pavimento esistente, nel caso del prefinito si può scegliere se rimuoverlo o meno.
Nel caso in cui si scelga di montarlo su un altro pavimento e solo per una parte della casa, è importante utilizzare le apposite soglie di raccordo da usare con le parti piastrellate, per esempio del bagno e della cucina. Inoltre è necessario provvedere al taglio del bordo inferiore delle porte interne.

Il primo passo per la posa del parquet è la realizzazione del massetto, di cui il tipo più diffuso è quello in cemento.
Il massetto di cemento ha uno spessore di circa 5 cm e necessita di opportuni tempi di indurimento e stagionatura, compresi tra i 30 e i 90 giorni, a seconda dei materiali impiegati, dello spessore e delle condizioni del cantiere.
Esso deve garantire rigidità e resistenza, per sopportare senza deformazioni i carichi statici e dinamici previsti a seconda della destinazione d’uso della pavimentazione.

In ogni caso è importante che il sottofondo su cui posare il pavimento sia in buone condizioni. Quindi, deve essere compatto, privo di fessurazioni, stagionato e asciutto, livellato, liscio e pulito.
La temperatura del locale deve essere non inferiore a 15° e l’umidità non superiore al 65%.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]Se vuoi proseguire la lettura e scaricare gratuitamente in PDF la dispensa “Posa in Opera: una scelta professionale” compila il form sottostante, potrai scaricare inoltre tutti i materiali di comunicazione dell’azienda![/vc_column_text][vc_empty_space height=”60px”][wd_heading]

Per proseguire la lettura e per scaricare in formato PDF la dispensa “Posa in Opera: una scelta professionale”, la Guida alla Scelta del Parquet Prefinito e i Cataloghi Rekord parquet compila il form sottostante!

[/wd_heading][contact-form-7 id=”6924″][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]