La Posa in Opera: seconda parte!

In questa seconda parte trattiamo le geometrie di posa dei pavimenti in legno e le finiture superficiali.

Geometrie di posa

Gli elementi di parquet possono essere posati a terra e accostati tra loro formando diversi disegni, spesso di grande effetto. Ecco quali sono i più utilizzati e le cose da sapere prima della messa in opera.
Il disegno che andrà a formare il parquet è di grande importanza e deve essere valutato, oltre che dal punto di vista estetico, anche da quello funzionale. Il fattore più importante riguarda i movimenti di assestamento del legno. Il lato più soggetto a variazioni dimensionali è quello corto. Per questo motivo, per esempio, in un corridoio lungo e stretto il parquet andrà posato con i lati lunghi paralleli alle pareti più lunghe.
Un altro è l’illuminazione. Le fonti di luce naturale influiscono sulla visione complessiva del parquet: se questa attraversa gli elementi della pavimentazione nel senso della lunghezza, venature e dimensioni risulteranno maggiormente in evidenza.
Nella scelta della direzione di posa bisogna tenere conto anche del senso di percorrenza o dell’apertura della porta. La percezione di chi entra sarà più gradevole se il percorso si snoda nel senso della lunghezza degli elementi o se la direzione del parquet è ortogonale alla soglia della porta. Fatte queste valutazioni, si può scegliere tra sei principali geometrie.

Cassero irregolare o posa a correre
I singoli elementi, anche di differente estensione, sono disposti nel senso della lunghezza, in modo che le giunzioni di testa risultino irregolari e variate l’una rispetto all’altra. I pezzi possono essere paralleli al muro o in diagonale, inclinati di 45° o 30° rispetto alle pareti. Nel primo caso è preferibile che siano disposti trasversalmente alla fonte principale di luce.
Prima di iniziare, occorre verificare che i muri interessati non siano fuori squadra. In caso contrario, la posa partirà dal lato della porta, in modo che gli elementi siano paralleli ad essa.
Nel secondo caso gli elementi vengono posati generalmente inclinati di 45° o di 30° rispetto alle pareti, partendo dalla porta e continuando verso il punto di luce principale oppure dalla linea di massima estensione della diagonale. A differenza della precedente, questo tipo di posa consente di nascondere eventuali pareti fuori squadra.

Geometrie di posa in opera
Geometrie di posa in opera

Cassero regolare 
È simile alla geometria a correre, ma in questo caso i singoli elementi hanno lo stesso formato e vengono disposti nel senso della lunghezza in modo che le giunzioni di testa vengano a trovarsi nella stessa mezzeria o comunque in posizione costante rispetto a ciascuna lista della fila precedente.

Se vuoi proseguire la lettura e scaricare gratuitamente in PDF la dispensa “Posa in Opera: una scelta professionale – seconda parte” compila il form sottostante, potrai scaricare inoltre tutti i materiali di comunicazione dell’azienda!

Se invece vuoi consultare la prima parte dell’approfondimento sulla Posa in Opera clicca qui.

Per proseguire la lettura e per scaricare in formato PDF la dispensa “Posa in Opera: una scelta professionale – parte seconda”, la Guida alla Scelta del Parquet Prefinito e i Cataloghi Rekord parquet compila il form sottostante!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Città

Iscrizione alla Newsletter

Consenso Privacy (Obbligatorio selezionare per procedere)

Inserisci il Codice di Verifica
captcha